domenica 7 ottobre 2007

La Coppa di Testa (homemade)



Come avevo detto del Maiale non si butta via niente. Inutile quindi soffermarsi sui tagli classici che abbiamo ricavato da tutto l'animale, ma le parti meno nobili?
Sono andate a finire nella Coppa alla toscana.
Abbiamo pulito la testa del maiale tolto tutte le setole e le altre impurità, gli zampetti e le lingue e abbiamo messo tutto a bollire per parecchie ore.
Poi si passa alla pulizia dalle ossa e dalle cartilagini che vengono eliminate a mano. Si ottieme un composto gelatinoso che viene condito con sale, pepe, finocchio, scorza di limone e arancio.
Dopo aver impastato bene il tutto lo mettiamo in dei sacchetti di cotone, ci mettiamo un peso sopra e lasciamo tutta la notte in frigorifero, il mattino seguente si è solidificata ed è pronta per essere degustata!
Nel nord Italia con il termine coppa spesso si indica quello che noi del centro chiamiamo Lonza (ossia il collo stagionato).
Non so come al nord invece chiamino la nostra coppa! Dalle parti del paese di mio padre viene anche chiamata "testa fredda".
Buona da mangiare cosi, o magari con un buon pane caldo (o pizza) ma anche condita con un pochino di salsa verde e olive (che fa molto estate).






4 commenti:

SenzaPanna ha detto...

Buona la coppa, me ne verrei a prendere un pezzo!!!

stefano ha detto...

nulla te lo impedisce :)

Dolci Ricette ha detto...

Piace molto anche a me...ma la preferisco senza la scorza dell'arancio o del limone...col finocchio non mi sembra di averla mai assaggiata!!

Tatiana ha detto...

Una volta una contadina mia vicina di casa me la preparò con due teste di maiale e una di cinghiale...la ricordo ancora quella soprassata!