giovedì 3 gennaio 2008

Arrosto di Vitella con Castagne

Questa è una variante a quello che di solito preparo per il negozio, infatti di solito prendiamo una bella fetta magra la riempiamo con del macinato condito e all'interno castagne intere, insomma lo facciamo a rollé.

Invece stavolta a casa ho voluto fare una cosa più "raffinata": ho scelto un bel pezzo di arrosto di vitello (noce chiusa -conosciuto anche come scannello-) e l'ho cotto insieme alle castagne.
C'è da dire che ho sperimentato una cottura al forno (previa rosolatura in padella con olio) che di solito non faccio mai in quanto preferisco il tegame, ed infatti il risultato si vede è rimasto leggermente rosato al centro nonostante abbia cotto quasi 1 ora e mezza. Nonostante questo inconveniente è rimasto morbido e delicato ma "l'effetto crudo" mi ha dato un po' fastidio...

Le castagne le ho aggiunte dopo metà cottura nello stesso tegame dell'arrosto, in seguito con una parte ho fatto una specie di "crema" (aiutandomi con il fondo di cottura dell'arrosto per insaporirla) per poi farne delle quenelle. Le altre le ho lasciate intere come decorazione e anche per far capire di cosa si trattasse :) .


Nelle foto sotto: l'arrosto prima della cottura, dopo la fase del condimento (la mia polvere magica), e appena tirato fuori dal forno.

Ho accompagnato questo arrosto con uno Chardonnay barricato che mi ha molto soddisfatto come abbinamento.

4 commenti:

Giovanna ha detto...

bello il taglio di noce con le castagne. perchè ti ha dato fastidio l'effetto crudo? credo che sia molto ionteressanter invece ... Ciao

salsadisapa ha detto...

mammamia ancora sto ridendo...
ah' manzotin!
numme chiamo manzotin: me chiamo rinaldi otello!
sì, 3 chili de trippa e 2 de bbudello!
:-D ho rivisto il mitico "febbre da cavallo" proprio due giorni fa... che capolavoro!

ah, carne + castagne = slurp ;-)

raissa79 ha detto...

Ammazza che bello che è, io non amo le castagne, ma lo proverei o con le mele o con le prugne secche, mi sa che è buonissimo!

SenzaPanna ha detto...

Io preferisco la cottura al forno perché i giorni seguenti la carne rimane meno asciutta (secondo me).