giovedì 20 febbraio 2014

Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano e le Cantine Contucci

Chi mi segue da un po' di tempo sa che non parlo quasi mai di vini, in parte perché non avendo mai "studiato" non ho una padronanza linguistica adatta, ma anche perché, più che delle note degustative, mi interessano  le storie delle persone che stanno dietro (e che spesso si ritrovano dentro) al vino.

Ad esempio l'anno scorso ebbi il piacere di  visitare le cantine e i vigneti di Mastroberardino, bellissima esperienza che mi porto a scoprire un territorio spesso "trascurato" e a conoscere vini  storici.
Quest'anno invece  durante la manifestazione sangiovese purosangue ho avuto l'onore di conoscere i vini della cantina Contucci.

Come molti sapranno Contucci è sinonimo di Montepulciano e grazie all'anteprima del vino Nobile tenutasi lo scorso week end, nella suggestiva Fortezza della città, ho avuto modo di approfondire la conoscenza dei loro vini e la storia della cantina.


Palazzo Contucci
"Le fonti più antiche farebbero risalire le origini della famiglia intorno all’anno 1000. Quello che è certo è che già alla metà del Trecento i Contucci figurano fra le famiglia più in vista della città di Montepulciano.
Lo stemma della famiglia rappresenta un unicorno rampante in campo azzurro e vuol simboleggiare fierezza e verità.
Già nel 1300 alcuni membri della famiglia, come Giacomo, furono Gonfalonieri della città, carica conferita solo a membri delle famiglie ragguardevoli, anche perché comportava elevate spese che erano a carico di chi le otteneva.
Nel 1434 Contuccio venne ammesso con grande onore alla cittadinanza fiorentina; nel 1542 Giulio Cesare e nel 1586 Francesco furono Gonfalonieri; Ottaviano fu comandante dell’esercito di Cosimo I e morì gloriosamente il 5 dicembre 1594." 

E questo è solo l'inizio, per continuare e approfondire la storia vi consiglio di dedicare qualche minuto alla visita del loro sito aziendale  soprattutto alla sezione dedicata al vino e alla cantina:

"La famiglia Contucci già fin dal Rinascimento coltivava la vite ed è noto come nel 1700 fosse già molto apprezzata questa sua attività. 
I Contucci, infatti, sono stati tra i "padri putativi" del Vino Nobile di Montepulciano (documento del 1773) La costruzione delle Cantine Contucci risale ad epoca anteriore a quella dell'omonimo palazzo (dimora anche di Papa Giulio III e del Granduca Ferdinando I) costruito nel XVI sec, da Antonio da Sangallo il Vecchio ed affrescato internamente da Andrea Pozzo; si può quindi affermare che risalgono al XIII sec. e che facevano parte della più stretta cinta muraria di Montepulciano."









 Gli affreschi sono ancora originali, mai restaurati, e gli unici del Pozzo eseguiti in una dimora privata.
Dopo la visita al palazzo siamo scesi nelle cantine, dislocate su tre livelli che ospitano le botti, fusti e vasche in pietra, oltre ai macchinari per l'imbottigliamento ed etichettatura. Inoltre alcune sale adibite alla degustazione dei vini, una di questa è una vecchia cucina (ormai in disuso) dalla quale ci si affaccia nel giardino, da dove si domina tutta la val di Chiana e si scorge anche Cortona, e si possono anche notare le vecchie mura di cinta della città.
Tra i vari passaggi e stanze, si nota ancora un "passaggio segreto" ormai inutilizzabile che dalla cantina portava fuori le mura (e quindi fuori dalla città) senza essere visti.













Infine due parole sui vini, anche se ci sarebbe tanto da scrivere:  l'azienda agricola possiede 170 ettari di cui 21 a vigneto, per un totale di circa 100.000 bottiglie annue. Le viti costituite solamente da vitigni autoctoni (prugnolo gentile, canaiolo nero, colorino e mammolo) maturano in botti grandi dando origine a vini molto classici e di stampo  tradizionale
Ci sono ben quattro tipologie di vino nobile:


-Vino Nobile di Montepulciano d.o.c.g.
-Vino Nobile di Montepulciano "Pietrarossa" : 
ottenuto da  una vigna esposta sul versante della Val di Chiana con terreno di origine argillosa.
-Vino Nobile di Montepulciano "Mulinvecchio" 
Altro cru aziendale dal lato opposto rispetto al pietrarossa, qui siamo sul versante della Val d'orcia nei pressi del paese S.Albino (e le sue terme) con terreni di origine tufacea.
-Vino Nobile di Montepulciano Riserva

Inoltre c'è il Rosso di Moltepulciano, il bianco della contessa (trebbiano toscano e malvasia del chianti) e il vino da tavola Sansovino. Infine come da tradizione toscana non poteva mancare l'olio extravergine d'oliva e il vinsanto.

Infine un dovuto e sentito ringraziamento ad Andrea Contucci che con la sua simpatia e grande disponibilità mi ha permesso di conoscere questa bella realtà italiana.

CONTUCCI Vini
Via del Teatro 1, 53045 Montepulciano (Siena)
Tel. +39 0578 757006 Fax +39 0578 752891, P.IVA/Codice Fiscale 00244490520
E-mailinfo@contucci.it



4 commenti:

JAJO ha detto...

Bellissimo reportage (e bellissima Montepulciano).
Contucci m'è sempre piaciuto, poi.
La prossima volta fai una capatina anche da Caterina DEI: persona eclettica, cantante e produttrice di vini veramente notevoli.
Ciaooo

Daniela @Senza_Panna ha detto...

belli anche i giochi prospettici e i trompe l'oeil che ho visto in foto!!!!

andreusanchez ha detto...

Buongiorno Stefano!

Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 230000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

Restiamo a tua disposizione!
Andreu
Ricercadiricette.it

Roby ha detto...

Ciao, bella descrizione del luogo! Io durante quei giorni ero a Montepulciano e ti consiglio vivamente di passare da Talosa. La signora dell'agriturismo mi ha detto di provarli tutti e mi ha dato la cartina. Per ultima perchè nascosta è stata Talosa e siamo davvero su qualità diverse rispetto agli altri in centro storico. Passaci la prossima e vedrai che cantina sotto piazza grande che hanno. Fai un salto anche da Bindella (Acquaviva)! Continuerò a seguirti!