mercoledì 15 luglio 2009

Vienna -Part two- (By Summer)


Ebbene si, effetivamente è da un po' che manco da queste pagine, complice l'estate e qualche volo low cost, sono tornato di nuovo a Vienna. ho approfittato anche perchè il periodo di permanenza del mio caro amico nella capitale austrica pare sia a tempo indeterminato :)

Devo dire che l'estate è una città completamente diversa da quando la si visita (soprattutto per la prima volta) in inverno. Il clima in questi mesi regala delle spendide e soleggiate giornate ma a differenza dell'Italia si sta sempre freschi grazie al vento che proviene dalle Alpi.
Quello che mi ha colpito di più questa volta sono la moltitudine di colori che possono regalare i giardini dei castelli (schloss) curati in modo perfetto e con dei colori sorprendenti, nelle foto ci sono quelli del Belvedere e Schonbrunn.

Inoltre con la bella stagione è davvero imperdibile una passeggiata nel verde del parco Prater dove oltre al chiassoso lunapark si sono strade dove è possibile correre, andare sui rollerblade camminare (molti qui fanno il nordic walking) andare in bicicletta o semplicemente sdraiarsi e godere delle belle giornate viennesi.


Avendo avuto già modo di visitare il centro storico, in questa seconda visita mi sono dedicato a visitare la città in modo alternativo, ovvero in bicicletta.

Tutti i viennesi hanno una bici, c'è una fitta rete di piste ciclabili ben segnalate e che coprono sia il centro che la periferia. Se non si dispone di un mezzo proprio c'è un comodo servizio di citybike .Recandosi ad un parcheggio di bici ci si registra la prima volta con una carta di credito e si crea un account con una password, si prende il mezzo e ci si sposta liberamente da una parte all'altra della città, alla fine si può riconsegnare la bici anche in un parcheggio diverso da quello iniziale (e ce ne sono tantissimi in tutta la città) il servizio è attivo 24 ore e la prima ora di utilizzo è gratuita.


Infine non poteva mancare una parentesi gastronomica. Questa volta oltre alle tipiche beisl che avevo già visitato a febbraio mi sono spinto ai confini della città nelle zone vinicole (Nussdorf, kahlemberg, Grinzing) per visitare alcune "Heurigen" ovvero dei locali che sono in queste zone (simili ai nostri agriturismo) dove servono il vino novello (non c'è birra) e piatti tipici, salumi in genere serviti a buffet si mangia su rustiche panche di legno all'aperto e se si è fortunati si riesce a trovarne qualcuna non frequentata da turisti e con un bel panorama sul Danubio e su Vienna


Se la volta scorsa mi era piaciuta, ora posso dire quasi di essermene innamorato, invidio i suoi abitanti per la vivibilità e le condizioni di benessere (non solo economico ma anche pisico-fisico...la macchina non serve assolutamente, traffico e parcheggio sono vocaboli sconosciuti per loro) insomma tutto un altro stile di vita, c'è veramente da imparare.
Intanto ripenso a quelle belle giornate e poi.... forse ad agosto..... :)

3 commenti:

Max ha detto...

Eh, questi austriaci...

Daniela di SenzaPanna ha detto...

sempre in giro, sempre a mangiare...

:-)

JAJO ha detto...

e poi... forse ad agosto... non c'è due senza tre ! :-D
E faresti benissimo !!!!
Bella bella bella !